Pagina Facebook Autrice

Sabrina Pinna (1972). Sono una donna come tante, non sono una moglie e una madre ideale. Sono vecchissima, mi pare di avere cento anni. Ho cominciato a scrivere da piccina ma i miei racconti me li sono scritti, me li sono letti e poi li ho bruciati. Poi la vita mi ha insegnato che ogni occasione lasciata è persa. Desidero lasciare un ricordo a mio figlio, dirgli che se desidera qualsiasi cosa potrà sempre trovarla, basta crederci, e che non è mai troppo tardi per iniziare da capo. Non arrenderti mai figlio mio, con infinito amore, tua madre.

S. Pinna, "Il mostro che ho nella testa"

Il mostro che ho nella testa

Un grande buio offusca la mia mente: il “mostro” ti chiamo io, distorci la realtà, con mille artigli laceri ogni certezza e mi costringi alla lotta tra il reale e l’artefatto. Il mio corpo sotto l’effetto dei farmaci si deforma e non si capisce se vivi solo nella mia testa, perché lo specchio ti mostra anche da fuori.
Questa è la mia malattia, la depressione, la solitudine, il buio. Da qui riparto perché ho pensato spesso di poter fare il viaggio da sola e ogni volta invece facevi capolino da un ricordo, da un odore o più semplicemente passavi e mi salutavi illudendomi di aver abbandonato la mia mente. Invece no: ero io che ti tenevo per mano.


articoli correlati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.