Il criticone

Volge al termine un brutto 2016 durante il quale abbiamo assistito purtroppo a nuove guerre, disastrosi terremoti e tragici attacchi terroristici. Queste premesse soffocano le migliori speranze per l’anno incipiente; ora ci attendono nuove importanti sfide – personali e globali – con le quali edificare il nuovo mondo.

Spetterà alla coscienza di ognuno concepire orizzonti diversi e proporre nuove direzioni per un vascello, il nostro, che naviga a vista in acque tormentate. Nella convinzione che saremo tutti protagonisti – nonostante le apparenze – del percorso che ci accingiamo a intraprendere, gli auspici che vorrei rivolgere con questa mia lettera sono per un 2017 in cui l’economia di condivisione e lo scambio globale delle informazioni possano riavvicinarci alla convinzione di abitare tutti lo stesso mondo.

Proprio per questo sarà necessario rispondere alla crescente esigenza di sicurezza e di ordine con la salda convinzione che il timore e l’insicurezza per il futuro si scardinano mediante pratiche di giustizia ed equità sociale.

Ti auguro quindi un buon anno, ricco di esperienze plurali, nuove scoperte e nuovi amici a cui voler bene.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.